Consegna del mio PhD per Pubblicazioni all’Università di Derby, Ottobre 2019

Sono un’artista, facilitatrice e ricercatrice autodidatta, ma nel 2017 ho iniziato il mio dottorato di ricerca presso il College of Arts, University of Derby, Regno Unito, senza avere una laurea, grazie alla mia ricerca indipendente e alle mie pubblicazioni. Il titolo della mia tesi è:

The Self-Portrait Experience, un dispositivo per la trasformazione individuale e sociale – Le dinamiche psicologiche e filosofiche/politiche nella pratica di Cristina Nuñez.

La mia pratica trentennale può essere divisa in due parti: la prima (1988-1998) riguarda il mio uso dell’autoritratto, inconsapevole delle sue cause e delle sue dinamiche, per rispondere a bisogni inconsci; l’indagine psicologica inizia nella seconda parte (1998-2020), all’osservare come questa pratica artistica ha influenzato notevolmente il mio stato d’animo. Il carattere filosofico e politico del dispositivo è emerso nel 2018, nell’interazione con la prospettiva psicologica, portandomi a formulare le seguenti domande, alle quali ho cercato di rispondere nel mio dottorato di ricerca presso Publications:

  1. Come può l’autoritratto fotografico essere utilizzato come un dispositivo artistico per la trasformazione individuale e come atto politico?
  2. Come funzionano le dinamiche di potere in questo dispositivo e come favoriscono la conoscenza di sé e l’empowerment permettendo la sovversione?
  3. Come può l’autoritratto stimolare il processo creativo inconscio e fornire risultati critici?
  4. In che modo l’espressione emotiva nell’autoritratto influenza le percezioni multiple delle immagini e quali sono i suoi effetti sull’immagine di sé e sul benessere dei partecipanti?
  5. In che modo SPEX contribuisce alle pratiche contemporanee come l’autoritratto, l’autoritratto nell’arte contemporanea e gli usi terapeutici della fotografia?

Il mio dottorato di ricerca per Pubblicazioni non è ancora disponibile. A partire da maggio 2020, sto lavorando su piccole modifiche che gli esaminatori hanno richiesto dopo l’esito positivo dell’esame orale, e spero di pubblicarlo in forma di libro nel 2021. Tuttavia, pubblicherò qui alcuni dei risultati della ricerca quantitativa e qualitativa.

Dal 2009 le mie collaborazioni con diversi accademici sui loro progetti di ricerca mi hanno portato a raccogliere prove nei miei workshop, al fine di indagare gli effetti trasformativi sui partecipanti. Ho utilizzato questionari, feedback aperti, interviste e casi di studio. Per il mio dottorato ho analizzato la maggior parte dei dati raccolti nel corso degli anni attraverso questionari, casi di studio, moduli di feedback gratuiti e interviste, come forme di ricerca quantitativa e qualitativa. Ho analizzato due diversi gruppi di dati:

  1. I questionari più recenti, compilati dai partecipanti al workshop per il pubblico generale: centottantuno intervistati da luglio 2018 a marzo 2019.
  2. I dati raccolti nelle carceri dal 2011 al 2015, da centoquarantotto detenuti che hanno partecipato ai miei workshop. Questi dati sono emersi da questionari con risposte aperte e da feedback non strutturati senza domande.

1. Analisi dei feedback del pubblico generale:

I questionari del 2018-19 si basano sui feedback precedenti. Sono stati formulati utilizzando le dichiarazioni che i partecipanti hanno scritto nei feedback raccolti dal 2007 al 2017. Ho utilizzato una prospettiva psicologica per formulare tutte le domande e le dichiarazioni fornite e per analizzare le risposte dei partecipanti attraverso i seguenti concetti:

  • Il processo creativo inconscio
  • L’ampliamento della percezione di sé
  • Efficacia di SPEX in termini di autostima/consapevolezza di sé/empowerment
  • Lo specchio nelle immagini altrui

In primo luogo, i dati suggeriscono che SPEX può innescare un processo creativo parzialmente inconscio attraverso l’espressione di emozioni difficili. La maggior parte degli intervistati apprezza il fatto di aver imparato a trasformare le proprie emozioni difficili in fotografie, come processo catalitico e liberatorio. Le loro risposte sostengono l’idea che i partecipanti in genere non si riconoscono nelle immagini, e questo può fornire il distacco necessario per percepire se stessi e un senso di empowerment. L’effetto più forte che SPEX generalmente genera è un maggiore ascolto delle emozioni che necessitano espressione, e questo potrebbe essere il motivo per cui la maggior parte degli intervistati continua a utilizzare il metodo. Si evidenzia un apprezzamento per aver imparato ad esplorare le molteplici e mutevoli percezioni delle immagini. Infine, generalmente si percepisce come SPEX favorisca, sia nella sessione individuale con me che nelle sessioni di gruppo, un ampliamento della percezione del sé, che può stimolare in alcuni partecipanti anche un aumento dell’autostima. Questi risultati si evidenziano anche nell’analisi dei dati delle prigioni. Tuttavia, il feedback critico e aperto solleva questioni di salvaguardia emotiva, anche se gli intervistati non sono considerati come parte di collettivi vulnerabili. Un codice etico deve essere formulato e ulteriormente testato nelle ricerche future, e incluso un questionario pre-workshop, che informi i partecipanti sulla possibile necessità di un supporto professionale durante e dopo i workshop, e definisca i limiti della responsabilità del facilitatore responsabile del workshop.

2. Analisi del feedback dei detenuti nelle carceri:

Tutti i 148 intervistati stavano scontando condanne a lungo termine di oltre un anno in regime di reclusione completa; i dati non includono partecipanti in libertà vigilata. Circa 80 dei 148 intervistati si trovavano nelle unità di alta sicurezza.

Sesso degli intervistati: 83 uomini (56%) e 65 donne (44%) = 148

Location dei workshop: 18 intervistati in Norvegia (zona di Oslo) e 130 in Spagna (zona di Barcellona).

Nazionalità: Europa: spagnola, italiana, norvegese. Resto del mondo: Africana, sudamericana, asiatica. I dati in mio possesso non includono la nazionalità specifica.

Date di realizzazione dei workshop: 2011, 2014, 2015 e 2016.

Durata dei workshop: Il 71% degli intervistati ha partecipato a un workshop completo di 5 o più giorni. Per l’83% di questi, il workshop è durato 15 giorni, svolti durante un periodo di tre/quattro mesi. I workshop per il restante 17% si sono svolti in tre prigioni norvegesi durante una settimana intensiva di 5 giorni. Il 29% degli intervistati ha partecipato ad un workshop introduttivo in 2 giorni.

Di seguito è riportata una breve sintesi dei risultati dell’analisi, sostenuta da alcune dichiarazioni dei detenuti. L’analisi completa sarà pubblicata nel 2021 come parte del mio nuovo libro.

Ampliamento della percezione di sé, della conoscenza di sé e della scoperta di sé: il 93,5% degli intervistati ha dichiarato che il workshop ha permesso loro di vedere se stessi da un punto di vista diverso.

I risultati delle risposte sì/no all’ottava domanda nel modulo “Ti sei visto da un punto di vista diverso? Puoi spiegare?” sono stati:

  • 80 degli 88 intervistati hanno risposto “sì” (91%)
  • 4 su 88 ha detto “un po’” o “forse” (4,5%)
  • 4 su 88 ha detto “no” (4,5%)

Per quanto riguarda le risposte più lunghe in frasi:

  • 56 di 58 intervistati rispondono a questa domanda esprimendo in vari modi di essersi visti in modo diverso, o da un altro punto di vista. (96,5%)
  • 2 su 58 dichiarano di non essersi vedersi in modo diverso. (3,5%)

Questi risultati sostengono l’ipotesi che SPEX permetta ai partecipanti di guardare a se stessi da un punto di vista diverso, d’accordo con il punto di vista di Frank Porporino su come incoraggiare la suggestione della desistenza nei detenuti, “sviluppando programmi che non mirano a cambiare i detenuti, ma che puntino semplicemente ad aiutarli ad esplorare – a guardare la loro vita attraverso nuove lenti” (Porporino, 2010, p.78). Guardarsi attraverso nuove lenti può favorire la scoperta di potenzialità sconosciute, come dice un detenuto: “Ho imparato che tutto è possibile, se si mette energia nelle cose”. In carcere, questo potrebbe significare trovare aspetti positivi in se stessi: ci sono più di 30 dichiarazioni che esprimono la scoperta dei proprio “lato buono” o di qualità che non si sapeva di possedere. Di seguito ne riportiamo alcune:

  • Ho scoperto di avere capacità di leadership e di poter essere amato.
  • È stato utile vedere e sentire cose che non avevo mai nemmeno pensato o immaginato. Ho visto il mio lato buono, che prima non vedevo.
  • Mi è piaciuto poter vedere cose che non sapevo di me stesso, cose che non pensavo di poter esprimere. Vedo che ho una parte che non conosco dentro. La donna nelle foto non ero io! Ho scoperto di essere coraggiosa, sono una guerriera, sono più forte di quanto pensassi; e posso essere qualcuno, posso essere utile, posso essere una buona madre.
  • Ho capito di essere molto forte, di poter affrontare il lato oscuro e renderlo più chiaro, e che non mi arrendo.
  • Ho scoperto di essere forte e molto vulnerabile allo stesso tempo. Ho visto il mio io interiore e i miei sentimenti. Pensavo di non averne.

La conoscenza del sé si evidenzia in un elevato numero di affermazioni. Conoscere se stessi significa scoprire aspetti sconosciuti del proprio io; vedersi in modo diverso; identificare altre possibilità e qualità in sé; e rendere visibile il proprio mondo interiore, o, come dicono i detenuti, “vederti come sei” “dall’esterno” ma “in modo più profondo”. 23 affermazioni parlano esplicitamente dell’auto-conoscenza o della scoperta di altri aspetti di sé. Di seguito ne riportiamo alcune tra le più significative:

  • In alcuni momenti ho imparato qualcosa su me stesso. Ho visto meglio il mio lato buono. Questo mi ha aiutato a conoscermi di più.
  • Ho scoperto forza e serenità nelle mie immagini, qualità che prima non pensavo di avere.
  • È stato utile vedere quello che ho dentro di me, conoscermi meglio; vedere la rabbia, il coraggio e la forza. Mi vedo come madre coraggio.
  • Non avevo mai notato il mio comportamento. Ho visto la mia aggressività, ma anche la sincerità e la volontà di cambiare. È stato utile vedere il mio comportamento interiore ed esteriore e cercare di cambiarlo, la parte “cattiva”. Mi sento più tranquilla.
  • È stato utile conoscere l’altro me stesso, perché il volto è lo specchio dell’anima, è uno specchio psicologico, che mostra i nostri lati positivi e negativi. Utile per conoscermi internamente ed esternamente.
  • Ho scoperto i miei lati buoni e cattivi; e di non essere così duro come pensavo.
  • Mi è piaciuto conoscere me stesso e pensare di poter migliorare le cose. Ho scoperto che sono forte e molto vulnerabile allo stesso tempo. Ho visto il mio io interiore e i miei sentimenti. Pensavo di non averne.
  • È stato utile conoscere i miei punti di forza e le mie debolezze (queste ultime spiacevoli da vedere), e avere più conoscenza.

Ampliamento della percezione degli altri:

Le risposte alla domanda “Hai visto i tuoi compagni da un punto di vista diverso?” mostrano risultati simili alle risposte alla precedente domanda sull’ampliamento della percezione di sé.

Nelle risposte sì/no:

  • 67 su 81 intervistati hanno risposto “sì” (82,7%)
  • 8 hanno risposto “un po’” o “sì, in parte” (9,9%)
  • 6 hanno risposto “no” (7,4%)

Per quanto riguarda le risposte aperte in frasi, tutti gli intervistati hanno espresso in modi diversi che il workshop ha permesso loro di vedere i compagni in modo diverso, e di scoprire in loro la “bontà” e altri aspetti positivi, come dimostrano gli esempi che seguono:

  • Ho scoperto che i miei compagni detenuti hanno più o meno i miei stessi problemi. Questo mi ha permesso di vederli in modo diverso.
  • Nelle foto dei miei compagni ho visto la bontà, la gentilezza.
  • Ho imparato che tutti hanno un lato vulnerabile, anche se di persona sembrano duri.
  • Mi sono piaciute molto le foto di P., sembrava una guerriera! E la forza di M. e la bontà di M.C..
  • Ho capito, guardando le foto degli altri, che sono capaci di esprimere e mostrare dettagli e gesti che non avevo mai visto in loro.
  • Ho visto anche il lato tenero e umano dei miei compagni di carcere.
  • Credo di conoscerli meglio, e con alcuni siamo diventati più vicini. Ognuno di loro è unico, e hanno tanti aspetti positivi.
  • Ho visto le emozioni nelle foto dei miei compagni, nei loro sguardi. Hanno dei sentimenti. Tutti abbiamo sentimenti di colpa, di tristezza, di rabbia e di rimorso.
  • Ora penso che non dovrei giudicare gli altri prima di conoscerli.

Una maggior conoscenza / scoperta dei compagni è evidenziata da un elevato numero di affermazioni sul tema N.1. Ampliamento della percezione, come negli esempi che seguono:

  • Ho scoperto che i miei compagni detenuti hanno più o meno i miei stessi problemi. Questo mi ha permesso di vederli in modo diverso.
  • Ho visto i miei compagni di cella esprimere le loro emozioni, quindi ora li vedo come se fossero persone diverse.
  • Ho imparato che tutti hanno un lato vulnerabile, anche se di persona sembrano dei duri.
  • Nelle foto di A. sono rimasta sorpresa di vedere la Leonessa, perché l’ho sempre vista molto tranquilla e intelligente.
  • Mi sono resa conto, guardando le foto degli altri, che sono in grado di esprimere e mostrare dettagli e gesti che non avevo mai visto in loro.
  • Sono riuscito anche a capire meglio le persone che mi circondavano. Ho scoperto che mi assomigliano molto. A volte è difficile essere se stessi, ma siamo riusciti a connettere e ci siamo divertiti tutti insieme. Ho imparato molto sugli altri e su me stesso.
  • Ho visto gli altri in modo più positivo. Mi porto dentro le loro emozioni e la loro tristezza.

Relazioni con gli altri:

Diciannove detenuti hanno dichiarato che il workshop ha permesso loro di migliorare i rapporti con alcuni dei compagni. Questi intervistati hanno seguito un workshop di 15 giorni per quattro mesi:

  • È stato molto utile nel mio rapporto con gli altri, perché ora mi vedono in modo diverso. Prima del workshop ero sempre da solo, non mi relazionavo con gli altri. Ora mi sento meglio con me stesso, e non sono così solo.
  • Sì, il mio rapporto con loro è più stretto. Questo workshop ci ha aiutato ad avvicinarci l’uno all’altro. Ne abbiamo parlato molto.
  • Abbiamo ottenuto una maggiore connessione tra di noi, al di là di ciò che ognuno di noi sente di essere. Ci siamo lasciati alle spalle i problemi del passato e abbiamo stretto il nostro legame facendo foto insieme.

10 dei detenuti hanno invece affermato che le relazioni non sono migliorate, come negli esempi che seguono:

  • I miei rapporti con gli altri sono gli stessi. Non ho molta voglia di relazionarmi. Non sono venuto qui per fare amicizia. Sono autentico, mentre gli altri si “truccano” un po’.
  • Il mio rapporto con me stesso è migliorato. Non con gli altri, perché vado per la mia strada.

Tuttavia, un workshop più lungo, almeno di un anno, sarebbe necessario per migliorare significativamente le relazioni.

L’espressione catartica delle emozioni:

Oltre 30 affermazioni suggeriscono in modi diversi il sentimento di liberazione attraverso l’espressione delle emozioni. Di seguito alcuni esempi significativi:

  • È stata un’esperienza nuova. Prima di scattare le foto mi sentivo ferito e sofferente, ma quando ho finito mi sono sentito soddisfatto e sollevato.
  • Mi sono sentito molto bene con questa attività fotografica, perché ho potuto esprimere e far uscire tutto quello che avevo dentro.
  • Ho potuto piangere. Noi arabi abbiamo il sangue freddo, ci teniamo dentro le cose.
  • È stato molto positivo, perché sono riuscito a buttare fuori le mie emozioni represse nelle foto.
  • All’inizio mi è sembrato strano, ma a poco a poco ho sentito che le emozioni emergevano in modo naturale. Le ho sentite dentro di me, e poi sono venute fuori.
  • È stato bello stare soli a scattare foto, e le emozioni sono emerse rapidamente. Mi è piaciuto molto. Ho espresso la mia rabbia e la paura di perdere mio figlio, che è malato di cancro.

Il processo creativo inconscio e il riconoscimento di se stessi nelle immagini:

Un numero elevato di affermazioni, come si evince dagli esempi che seguono, suggerisce che i detenuti che partecipano ai workshop SPEX spesso scoprono in sé cose che non avevano mai visto o conosciuto. Questo potrebbe sostenere l’idea che queste cose giacevano in una dimensione inconscia, e che il dispositivo può portare le persone alla presa di coscienza attraverso il processo creativo.

  • Ho visto cose che non avevo mai visto prima in me.
  • Ho scoperto di avere altre identità e personalità. Ho capito di essere sensibile e sentimentale.
  • Mi è piaciuto scoprire in me altri volti che non conoscevo. Erano nascosti o difficili da esprimere.
  • È stato utile vedere e sentire cose che non avevo mai pensato o immaginato. Ho visto che in me ci sono cose buone che non avevo mai visto prima.
  • È la prima volta che mi vedo. Mi sono visto in un modo molto diverso. Ho visto tante emozioni, paure, speranze e insicurezze.
  • Mi è piaciuto conoscere cose che non sapevo di me stessa, vedere cose che non pensavo di poter esprimere. Vedo che ho una parte dentro di me che non conosco.
  • È innovativo, perché puoi vedere te stesso e vedere cose che non avevi mai notato, o che non ti eri mai fermato ad osservare.
  • In questo workshop puoi imparare cose su te stesso che altrimenti non potresti vedere.

Altre affermazioni che suggeriscono la scoperta di sé e l’auto-consapevolezza possono sostenere ulteriormente che il processo creativo di SPEX stimola l’inconscio a “parlare”, per dirlo con le parole di un detenuto: “Ho imparato che c’è un io interiore che vuole uscire”.

Un numero elevato di dichiarazioni dimostra che la maggior parte dei detenuti non si è riconosciuta in alcune o in nessuna delle immagini, come è emerso dai partecipanti in altri contesti nei questionari del 2018. Questo potrebbe sostenere l’idea che SPEX può portare materiale inconscio alla coscienza, producendo un’immagine in cui non ci riconosciamo, o un modo di vedersi mai sperimentato prima. Di seguito alcuni esempi significativi:

  • È stato sorprendente vedere la mia foto: non mi assomigliava!
  • Mi vedevo nelle foto come se fossero tutte persone diverse, non me stesso. Persone che pensano e provano diverse emozioni.
  • Non mi riconoscevo, non mi ero mai visto così. Anche perché non mi sono mai fotografato.
  • Mi sono riconosciuto, ma non mi sono mai visto così, non sapevo di poter avere quel volto e quei gesti.
  • In alcune foto sono io, ma in altre sembra una persona completamente diversa. Ma in tutte c’è un po’ di me.
  • Non mi riconoscevo affatto; è stata una sensazione strana, perché quel tipo di immagini sono quelle che cancellerei.
  • All’inizio non mi riconoscevo, non sapevo che il mio viso esprimesse tanta tristezza.

Effetti sull’auto-accettazione, sull’autostima e sul benessere:

Un elevato numero di affermazioni illustrano i diversi modi in cui SPEX ha fornito benessere attraverso la scoperta di sé, la fiducia in se stessi, la percezione dell’unicità, la padronanza delle emozioni, l’autostima, il sex appeal, la bellezza, la speranza, il miglioramento della vita in prigione, le risate, la sensazione di libertà e così via. Tutti questi aspetti possono aiutare a contrastare il forte auto-stigmatismo delle popolazioni carcerarie. Ecco alcuni esempi significativi:

  • Sono rimasto colpito dalla saggezza nel mio sguardo. Mi ha dato speranza, e mi sento meglio con me stesso.
  • Il workshop mi ha aiutato a costruire la mia fiducia in me stesso.
  • Mi sento molto meglio e sono più padrone delle mie emozioni. Ho un aspetto molto più orgoglioso. Ho più autostima di prima.
  • Non sono così imbarazzato quando mi vedo ora. Quando voglio, posso essere sexy. Mi vedo un po’ più giovane ora nello specchio.
  • L’esperienza mi ha dato speranza, che recupererò l’amore e la fiducia di mia figlia.
  • Penso di prendermi più cura di me stesso; do più valore a me stesso. Ascolto i miei stati d’animo e ci penso.
  • È stato utile per migliorare la mia vita qui. Per ricominciare da capo, accettando le cose.
  • Questo ha aiutato molto la mia autostima. Da quando lavoro con te mi sento più felice, rido molto e la gente mi chiede: “Ehi, cos’è successo?” Sono orgoglioso di essere me stesso. Ho mostrato le mie foto al mio psicologo.
  • Mi sono sentito bello e umano, e vivo.
  • Ho scoperto che posso piangere. Non avevo mai pianto, nemmeno con gli psicologi.
  • Mi è piaciuto fare il lavoro di gruppo e mi sono reso conto che nei giorni più bui si possono trovare raggi di luce. Anche se non mi sentivo bene, questo progetto ha migliorato il mio umore.

Sentirsi umani, vivi e sicuri di sé, suggerisce che ci si sente capaci di “ricominciare da capo”, che in un’esperienza oscura come la prigionia, si può trovare la speranza, i “raggi di luce”. E forse sentirsi umani e vivi può dare una sensazione di libertà temporanea, come dice un detenuto: “Questo workshop mi ha permesso di uscire da questo buco per alcuni momenti, perché lavorando con te mi sono sentito bene, più libero”.

Approccio alla pari:

Il mio approccio alla pari nell’organizzazione dei workshop SPEX, con il racconto della mia tossicodipendenza, della prostituzione e del mio recupero, è un ulteriore modo per contrastare lo stigma e l’auto-stigmatismo. Come discusso in precedenza, rivelare i propri difetti è ciò che gli individui stigmatizzati tendono a evitare (Goffman, 1962), e il recupero stesso è una decostruzione di etichette e stereotipi. Alcune dichiarazioni dei detenuti esprimono l’effetto che questa rivelazione ha avuto su di loro:

  • Quest’esperienza mi ha toccato molto, perché ho visto la forza di Cristina mentre raccontava la sua storia e il suo orgoglio, nonostante tutte le sue sofferenze.
  • Mi è piaciuto molto come si è presentata e il modo in cui affrontato la sua vita dall’infanzia fino ad oggi.
  • Sono rimasto colpito da Cristina, ci ha dato la possibilità di conoscere cose della sua vita. Anche se io non farei lo stesso, trovo fantastico quello che ha fatto.
  • Mi ha fatto molto piacere incontrare Cristina e conoscere la sua storia, sapere che ha superato cose terribili.

Condividere con i detenuti le mie “esperienze terribili”, raccontare la mia guarigione e analizzare con loro i miei autoritratti e quelli dei miei assistenti prima di chiedere loro di esporre i loro, può favorire la fiducia e un rapporto egualitario. La mancanza di giudizio mi permette di trattarli come esseri umani, come emerge dai loro commenti:

  • Sono rimasto colpito da come i facilitatori si sono fidati di noi, quando hanno analizzato con noi i loro autoritratti.
  • Sono rimasto sorpreso di essere trattato così bene, in modo egualitario, da persone che sono fuori dal carcere. Pensavo che si sarebbero comportati con superiorità.
  • Mi ha reso felice essere in contatto con persone esterne al carcere ed essere trattato come una persona. È stato bello sapere che le persone che vengono da fuori possano vederci.
  • È stato un sollievo poter parlare senza essere giudicati. Qui abbiamo paura di parlare.
  • Mi è piaciuto come è stato organizzato il workshop e come ci hanno trattato i fotografi.

Scoperta della potenza di SPEX, l’autoritratto e il mezzo fotografico:

Un diverso tipo di conoscenza è quello che si riferisce al potere delle fotografie per esprimere così tanto di se stessi. Questa scoperta è stata quasi unanime, con oltre 60 dichiarazioni che esprimono meraviglia su quanto si possa vedere nella fotografia di un volto: “l’intimità, i segreti, i sentimenti, e si possono inventare storie”. Un numero elevato di detenuti commenta la scoperta che i due lati del volto possano esprimere emozioni e atteggiamenti molto diversi. Un altro numero elevato afferma che l’esperienza è stata qualcosa di nuovo che non avevano mai provato prima e che guarderanno le immagini in modo diverso. “Non avrei mai immaginato che si potesse usare la macchina fotografica in questo modo”, dice un detenuto. Ecco alcuni esempi significativi:

  • Prima del workshop guardavo le immagini, ora le studio. Ora vedo entrambi i lati del viso e ne sono impressionato. Osservare lo sguardo è come guardare la tua anima, il tuo vero io interiore. È stato molto sorprendente perché ogni emozione e sguardo in una foto può esprimere così tanto.
  • È stato bello poter vedere le immagini in profondità. Ho scoperto emozioni e cose che prima non percepivo. È stato bello scoprire questa tecnica, e che attraverso le immagini si possa lavorare psicologicamente sul profilo delle persone.
  • È stato sorprendente vedere cosa possa esprimere ogni lato del viso o cosa si possa percepire in esso.
  • Mi ha sorpreso vedere che abbiamo tante emozioni allo stesso tempo.
  • Guardando profondamente le foto vedo cose che prima non vedevo. È sorprendente che la fotografia possa essere usata psicologicamente per studiare le persone. Sono felice di aver scoperto questa tecnica.
  • Dopo il workshop, guardo i due lati del viso in tutti i ritratti che vedo, anche quando parlo con le persone mi sono sorpreso a guardare i due lati dei loro volti per vedere cosa mi dicono.
  • È stato utile scoprire che una fotografia esprime molto di più di quanto si pensi, e che le persone hanno percezioni diverse della stessa immagine.
  • Mi è piaciuto riconoscere le emozioni nei volti, analizzare e discutere insieme delle immagini che non ci piacciono, ma che parlano molto. Mi ha dato delle buone sensazioni.
  • L’esperienza è stata sorprendente. Non avrei mai pensato di guardarmi e di analizzarmi in una fotografia in questo modo.
  • È utile, perché non si vede mai il proprio volto così allo specchio. Non vedi le tue emozioni, ma nelle foto le vedi così bene.
  • Questo workshop mi ha insegnato cose che non ho mai visto in vita mia. Per esempio, guardando entrambi i lati del viso, c’è molto significato. Il dolore, la paura, il terrore, la furia, la rabbia, la tristezza, e molto altro ancora.
  • Le fotografie ci mostrano la vita interiore ed esteriore delle donne in prigione. Il dolore, l’amore, il futuro, i nostri valori e le nostre forze, l’intelligenza e l’intimità personale.