This image has an empty alt attribute; its file name is MOSAIQUE-2019sm-1024x465.jpg

Il Manifesto

Per secoli ci hanno educati a sopprimere le nostre emozioni. Ci è stato detto che sentire non va bene, che se senti emozioni forti, hai qualcosa di sbagliato. Se sopprimiamo le nostre emozioni, non sapremo mai di cosa abbiamo bisogno veramente, dato che le emozioni dolorose ci comunicano la presenza si bisogni insoddisfatti che richiedono la nostra attenzione. Trasformare queste emozioni in arte ci permette di guardarle, riconoscerle, capire questi bisogni insoddisfatti e condividere le nostre opere d’arte con gli altri, per favorire l’identificazione invece del giudizio, della dissociazione e dell’alienazione.

La società contemporanea assegna etichette alle persone, e la maggior parte di noi crede che possiamo definirci, ignorando la meravigliosa plasticità e molteplicità dell’identità umana. Carl Gustav Jung affermò che la psiche è un sistema omeostatico, nel quale il materiale dell’inconscio personale e collettivo dovrebbe fluire verso la coscienza e viceversa. Quando permettiamo alle nostre emozioni di trovare un’espressione artistica, prendiamo coscienza, ci sentiamo liberati e liberi di esplorare il nostro pieno potenziale e di compiere la nostra missione su questo pianeta. Siamo liberi di alimentare il nostro inestinguibile fuoco interiore.

Se le persone diventassero sempre più coscienti delle proprie emozioni e necessità autentiche, l’essere umano sarebbe più rispettuoso delle emozioni e dei bisogni altrui, e di quelli del pianeta, invece che concentrarsi sui beni materiali, sul potere e sulla crescita economica.

Emotional Revolution è la mostra permanente online di un progetto d’arte partecipativa con fotografie autobiografiche, video, progetti di libri, narrazioni vocali e sonore e installazioni derivate:

  • presentazioni selezionate online attraverso il sito web di SPEX
  • immagini e progetti dei partecipanti al workshop SPEX
  • immagini e progetti dei facilitatori di Cristina Nuñez e SPEX.

Singole immagini e video appariranno sulla home page di questo sito, per attirare i visitatori alla mostra online. I progetti autobiografici saranno esposti nella mostra online in vari modi: libri, video, installazioni, murali e saranno esposti in diverse “sale”. A titolo di esempio, si può vedere la mostra permanente online del progetto We Exist.

Come partecipare all’Emotional Revolution?

1- Guarda alcuni video nel Canale Youtube di Cristina Nuñez, per esempio le playlist “Emotional Revolution”, “Emotions in confinement” e i suoi video autobiografici come Someone to Love.

2- Guarda i video con le istruzioni per gli esercizi SPEX e crea le tue fotografie e/o video, in risposta a quello che hai visto.

3- Clicca qui per inviarci le tue fotografie e i tuoi video che, una volta accettate, saranno messe in mostra nell’esposizione online “Emotional Revolution”, che aprirà a ottobre.